- ISTITUTO GIULIANO DI STORIA, CULTURA E DOCUMENTAZIONE

PUBBLICAZIONI

NARRATIVA | POESIA SAGGISTICA | FUORI COLLANA 

 STORIA E DOCUMENTAZIONE | BIBLIOTECHINA DEL CURIOSO | QUADERNETTO | IL BANCO DI LETTURA

Cessata pubblicazione

ritorna alla pagina del BENVENUTO

IL BANCO Dl LETTURA
Semestrale di cultura varia - a cura di Mariuccia Coretti e Tino Sangiglio.

è in distribuzione il numero 36 del 2008

Ultimo numero causato dal repentino decesso di Tino Sangiglio avvenuto il 20 agosto del 2008

LEGGI IL SOMMARIO
(pagina pop up del numero 36 / 08 - abilitare, se bloccato)

estratto dal numero 36/08
dall'EDITORIALE
Mariuccia Coretti

UN GRAZIE ED UN ADDIO

estratto dal numero 35/08
da CONTRIBUTI
Guido Conti

CARO GIOVANNINO
UN POSTERO TI RISPONDE

estratto dal numero 34/07
da CONTRIBUTI
Anna Bellio

GIUSEPPE PARINI
E L'ESALTAZIONE DEL VOLO
estratto dal numero 33/07
da CONTRIBUTI
Fulvio Senardi

RITRATTO D'AUTORE
Pietro Spirito
estratto dal numero 32/06
da TEATRO
Paolo Quazzolo

CRITICA E CRONACA TEATRALE

estratto dal numero 31/05
da CONTRIBUTI
Francesco Piselli

L'IDEA DEL BELLO NELLA
SCRITTURA: YAFEH

estratto dal numero 30/05

Rubriche - LIBRI
a cura di Mariuccia Coretti

LA MASSERIA DELLE ALLODOLE

estratto dal numero 29/'04

Rubriche - ARTE E CIVILTÁ
a cura di Roberto Curci

VISITATE QUESTA MOSTRA

estratto dal numero 27/'03-28/'04

Rubriche - MUSICA
a cura di Giuseppe Radole

LUIGI DALLA PICCOLA A TRIESTE

estratto dal numero 26/2003

Rubriche - LIBRI
a cura di Mariuccia Coretti

TULULÚ di STELIO MATTIONI

estratto dal numero 25/2002

Rubriche - ARTE E CIVILTÁ
a cura di Roberto Curci

LO SPAZIO C'É, MA É POCO O TROPPO?

estratto dal numero 24/2002

Rubriche - TEATRO
a cura di Paolo Quazzolo

LA SATIRA TEATRALE NEL '700

Il primo numero de «Il Banco di Lettura», rivista di cultura varia, quadrimestrale, fondata e diretta da Mariuccia Coretti e Tino Sangiglio, esce nel giugno 1988. Tuttavia tale edizione fu preceduta da tre fascicoli, di formato « tascabile » (cm.16.5 x 11), usciti tra il 1986 e il 1988 (uno per ciascun anno) comprendenti « inediti di autori triestini ». In essi infatti apparvero brevi testi (poesia, prosa e saggistica), rigorosamente inediti di scrittori e critici con i quali venivano seguiti i vari tracciati della cultura triestina. Furono pubblicati cosi inediti di autori come, tra gli altri, Manlio Cecovini e Carolus Cergoly, Ferruccio Folkel, Elvio Guagnini, Bruno Maier, Stelio Mattioni, Giorgio Voghera, Francesco Burdin, Gillo Dorfles, Claudio Grisancich, Vito Levi, Renzo Rosso, Fabio Doplicher, Sergio Miniussi.
Ma anno primo de « Il Banco di Lettura » fu, come si è detto, il 1988 con l'uscita del primo numero nel suo formato classico « grande » (cm.29.5 x 21) e con cadenza quadrimestrale, edito con spirito mecenatico dalla Tipografia Stella Arti Grafiche del Friuli - Venezia Giulia di Trieste. La collaborazione era, come lo è tuttora, solo per invito.
Senza proclami né manifesti programmatici retorici quanto inutili, che il più delle volte vengono disattesi per la forza delle cose, «Il banco» intendeva, come intende ancora oggi, semplicemente operare attraverso un ampio spettro di interessi culturali e letterari con rigorosi apporti di studiosi e di scrittori autorevoli, attuando così il necessario allargamento delle finalità che stavano alla base dei primi tre fascicoli della precedente formula, che si limitava infatti alla scoperta di inediti di autori triestini, con un ampliamento delle tematiche e degli interessi a tutto campo nazionale e oltre, anche con il supporto di apposite rubriche, senza preclusioni ideologiche, badando solo alta solidità delle argomentazioni, alla qualità dei testi, alla competenza degli autori. Il manifesto della rivista si compendia in tre sole parole: fare buona cultura, mediante contributi critici e testi creativi, sempre inediti - accolti con il criterio dell'invito a garanzia del rigore e dell'indipendenza - che, anche grazie alle rubriche dedicate alle arti figurative, alla musica, al teatro e ai libri, possono apportare un'informazione libera e anticonformista ma anche qualificata e aggiornata, con fascicoli riccamente illustrati da opere di noti artisti nazionali e regionali.
Il Banco di Lettura - copertina Queste finalità sono state mantenute fino al n. 14, uscito nel dicembre 1994; in seguito, non potendo far conto sulle possibilità dello stampatore che per tanto tempo e con lodevole disinteresse aveva permesso la sua regolare uscita, il Banco era forzatamente ritornato al formato « tascabile »: Dopo il n. 15, uscito nel 1995, la rivista è uscita solitamente una volta all'anno (solo nel 1999 riuscì ad uscire due volte) fino al n. 22. Con il n.23, uscito ai primi dei novembre 2001, la rivista esce in una nuova serie e rinnovata sotto ogni aspetto, dalla copertina, ideata e disegnata dall'estro del noto artista triestino Bruno Chersicla, al formato (cm.24 x 17) che ritorna quindi « grande » come all'inizio. La rivista ritorna così a nuova vita con una corposa consistenza di oltre cento pagine con le quali ripropone le sue tradizionali articolazioni - saggi critici, testi creativi e le rubriche - attraverso contributi e collaborazioni dovuti sempre ad autori di prestigio ed autorevolezza. Dall'inizio della sua attività fino ad oggi « Il banco di lettura » si è assicurato firme rilevanti della cultura italiana come Michele Dell'Aquila, Alberto Frattini, Walter Mauro, Giuliano Manacorda, Claudio Varese, Giorgio Luti, Riccardo Scrivano, Ernestina Pellegrini, Arduino Agnelli, Salvatore F. Romano per la saggistica; Lalla Kezich, Elio Bartolini, Enrico Morovich, Minnie Alzona, Vittorio Vettori, Giuseppe Mesirca, Franco Vegliani, Carlo della Corte, Giani Stuparich (con due inediti), Rodolfo Doni, Idolina Landolfi, Inìsero Cremaschi, Fulvio Tomizza, Stelio Mattioni, Giuseppe O., Longo, Francesco Burdin per la narrativa; Margherita Guidacci, Paolo Ruffilli, Luciano Morandini, Giorgio Barbari Squarotti, Luciano Luisi, Achille Serrao, David Maria Turoldo, Franco Buffoni, Biancamaria Frabotta, Franco Loi, Silvio Ramat, Gilda Musa, Biagio Marin (con un inedito) per la poesia.
La periodicità della rivista - che è distribuita dall'Istituto Giuliano di Storia, Cultura e Documentazione - è ora semestrale; la rivista è reperibile presso tutte le librerie di Trieste e di Gorizia ma può anche essere richiesta alla Segreteria dell'Istituto Giuliano (Viale Miramare, 17 - 34135 Trieste - tel. 040 364808 - Fax 040 3482225, e-mail: segreteria@istitutogiuliano.it).

Un numero costa 5.00 €

ritorna alla pagina del BENVENUTO